Diario di bordo

AVVENTO

Mt 7,21.24-27

"Con Èl todo, sin Èl nada!”  Chi mai costruirebbe la sua casa sulla sabbia? Non serve certo essere un ingegnere per capire che sarebbe destinata alla rovina. Ma se la roccia non la trovo? Se non so dov’è? Certo farò di tutto per cercarla! O forse mi fermerei e mi accontenterei della sabbia?

Continua...

AVVENTO

Mt 15,29-37

Erano giorni che camminavamo, nel deserto. Ero stanco. Mio fratello, tenendomi sotto braccio, mi strattonava e diceva: «Forza, vieni, manca poco!». Perché tanta agitazione? Da anni, ormai, non vedevo più. Avevamo pregato, supplicato, ma niente. Ci eravamo rassegnati! E ora, questo qui mi prende e mi tira con sé, dicendo che c’è Uno, che può guarirmi.

Continua...

Anno della Fede

Dal RITIRO DI AVVENTO

Mons. G. Anfossi

Vi invito a diventare uomini dell’Avvento. Facciamo allora del nostro cuore una piccola Betlemme e una piccola Nazaret, accogliente verso il Signore che ci viene a visitare. Il terreno da preparare per accogliere la visita del Signore è il nostro cuore, nei diversi tempi e luoghi della nostra vita quotidiana…

Continua...

AVVENTO

Lc 10,21-24

“Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete”. Ti è mai capitato di rimanere a bocca aperta davanti a qualcosa che hai visto? Se è così, fermati un attimo: ripensa a quel momento e lascia che lo stesso stupore ti prenda di nuovo. Pensaci: cos’è che ti ha meravigliato? È qualcosa di fresco, inaspettato, con un sapore antico e sempre nuovo.

Continua...

AVVENTO

Mt 8,5-11

Non ho trovato nessuno con una fede così grande! Il cammino di Avvento ha subito bisogno di centrare l’attenzione sul pilastro fondamentale: la FEDE. Questa infatti ci dice che cosa, o meglio, "chi" stiamo attendendo: Gesù Cristo. Guardando Gesù che viene per amore noi possiamo fare luce sulla nostra vita e comprendere che abbiamo ancora e di nuovo bisogno di conversione: Signore non sono degno!

Continua...

AVVENTO

Lc 21,25-28;34-36

Risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina. (Lc 21, 28). Meraviglia, stupore, sussulto sorpreso e entusiasta, gioia incontenibile e inaspettata. Questi potrebbero ragionevolmente essere i sentimenti che spingono il nostro capo a alzarsi. Quale la causa? Una sola: è vicina la nostra liberazione. Sta per compiersi la nostra libertà, la prima, più originaria libertà, che, in ultima analisi, è la soddisfazione delle nostre esigenze più profonde, la risposta ai nostri più radicali bisogni, l’oggetto di quella sete che motiva ogni nostra scelta.

Continua...

Anno della Fede

La voce di Benedetto XVI

Come parlare di Dio nel nostro tempo? Come comunicare il Vangelo, per aprire strade alla sua verità salvifica nei cuori spesso chiusi dei nostri contemporanei e nelle loro menti talvolta distratte dai tanti bagliori della società? Come parlare di Dio oggi? La prima risposta è che noi possiamo parlare di Dio, perché Egli ha parlato con noi.

Continua...

Visitore apostolico

Uomini - preti

Mercoledì e giovedì  della scorsa settimana il nostro Seminario ha avuto la gioia di accogliere il visitatore apostolico, mons. Luigi Martella, vescovo di Molfetta. Qual è il senso di questa visita? È stato lo stesso vescovo a indicarcelo: creare un collegamento tra le diverse realtà dei seminari, mostrare la sollecitudine e la cura della Chiesa per coloro che sono in cammino verso il sacerdozio.

Continua...