Diario di bordo

AVVENTO

Mt. 11,28-30

Due soluzioni fantastiche per Giorgio e Piero, ma… “Giorgio vive nell’interland Milanese, la sua famiglia è lo specchio della famiglia disgregata italiana. I genitori sono separati e questo gli ha procurato un pessimo se non nullo rapporto con loro. Per affrontare la crudeltà della vita Giorgio si è legato fin da piccolo alla boxe. È bravo, ha dei successi, ma non potrà mai vivere con quello sport che gli ha, sì, dato tutto, ma gli sta prendendo anche tutta la vita.

Continua...

Anno della Fede

La voce del Vescovo Cesare

Il problema più serio che dobbiamo affrontare e che dovrebbe preoccuparci è quella fede che si traduce poi in tensione positiva a cercare e amare il Signore percorrendo senza timore i sentieri ardui ma possibili della santità. Allora forse riusciremo a vivere anche i tempi tumultuosi del nostro oggi come un passaggio pasquale, un morire per rinascere a un modo nuovo di essere Chiesa e di essere cristiani.

Continua...

AVVENTO

Lc 5,17-26

Carissimo Portatore di Lettucci (perdona se ti chiamo così, ma Luca nel suo Vangelo non ci dice il tuo nome), ti volevo ringraziare perché quella veloce scena, che ti vede protagonista, mi dà proprio fiducia. Non so bene chi siano quegli “uomini” di cui parla l’Evangelista, che ti hanno accompagnato: immagino qualche tuo amico, che proprio ci teneva a te, tanto da farti sperimentare il brivido delle montagne russe, calandoti dal tetto di quella casa di Cafarnao.  

Continua...

AVVENTO

Mt 18,12-14

Che cosa ti pare? Quella pecorella smarrita sei forse tu? Quante volte ci sentiamo smarriti, non troviamo più la strada, ci sembra di essere in un arido deserto. Gesù non tollera questo; Egli balza in piedi, abbandona la gloria del cielo, per ritrovare e inseguire te, pecorella smarrita, fin sulla croce. Ti carica sulle sue spalle: Egli è il buon pastore, che offre la sua vita per le pecore. Gesù manifesta la volontà del Padre, che neanche uno di noi, piccoli e miseri uomini, si perda.

Continua...

AVVENTO

Lc 3,1-6

Giovanni Battista doveva essere un predicatore eccezionale. Mi sorge allora però spontanea la domanda: perché predica in un deserto e non in una grande città piena di persone? La Scrittura mostra come il deserto sia luogo di incontro e passaggio, e luogo di silenzio. Silenzio. Solo così è possibile infatti che la voce risuoni con tutta la sua forza, senza che altri rumori la disturbino. Per dirci cosa?

Continua...

IMMACOLATA CONCEZIONE DI MARIA

Lc 1,26-38

All’ombra di Dio. Quanti fiori crescono all’ombra? Verrebbe da dire: pochi! Botanica a parte, nella vita spirituale i fiori migliori crescono sempre all’ombra. Un esempio? Maria. Lei è il fiore più bello e cresce proprio all’ombra: lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra (Lc 1,35).

Continua...

AVVENTO

Mt 9,23-31

E si aprirono loro gli occhi. Hai paura del buio? Nel Vangelo due ciechi vedono meglio di molta gente dalla vista buona! Il Vangelo è così: paradossale. Soltanto due ciechi riescono a vedere in un uomo che passa il “Figlio di Davide”, il “Signore”. Nonostante il buio della loro vita essi seguono, entrano, si avvicinano, ma soprattutto credono.

Continua...

Anno della Fede

La voce del Vescovo Cesare

Lo Spirito, che guida la barca della Chiesa, la sta spingendo in avanti, in mare aperto, lontano dalla riva sicura di un recente passato e protesa verso un’altra sponda di cui però non intravediamo ancora il porto sicuro. È necessario mantenere lo sguardo fisso su Gesù se vogliamo resistere alla rassegnazione o alla stagnazione. Se vogliamo resistere a guardare di più proprio alle cose che non vanno, agli ostacoli da affrontare.

Continua...