Diario di bordo

cento domande

Più di cento giovani, nel silenzio, davanti all'Eucarestia. Cento giovani, cento teste, cento domande diverse. Un unico silenzio, che permeava nell'aria dell'aula magna, preparata per l'adorazione. Cento domande rivolte verso un'unica fonte, un unico culmine.
Questo ho visto e ho sperimentato durante l'adorazione di giovedì nove marzo, in Seminario. "Al mattino ecco la gioia", recitava il titolo. I testi parlavano di croce, di notte, di essenzialità nella prova. Dentro di noi, cento domande. Davanti a noi un'unica speranza.

Non so se cento domande diano una risposta. Ma credo che cento domande, lanciate nel vuoto silenzioso a Colui che riempie ogni vuoto, facciano emergere in chiunque una domanda: Chi è Costui, che fa nascere nel silenzio tante e tante domande? E dalla domanda, forse non nasce una risposta. Ma, certo, da tante domande, nasce una speranza.