Diario di bordo

“La fede è decidere di stare con il Signore per vivere con Lui”. Stare con il Signore. Per vivere con Lui. Con l’adorazione notturna personale (stare con il Signore per parlare cuore a cuore) e la solenne celebrazione dell’Eucaristia (per vivere con Lui) abbiamo iniziato l’Anno della Fede nel nostro Seminario Maggiore.

“L’Anno della fede è un invito ad un’autentica e rinnovata conversione al Signore, unico Salvatore del mondo.. Sarà decisivo nel corso di questo Anno ripercorrere la storia della nostra fede, la quale vede il mistero insondabile dell’intreccio tra santità e peccato” (Benedetto XVI).

Qui in Seminario saremo aiutati in questo dalle meditazioni quindicinali del padre spirituale e dagli incontri mensili con l’arcivescovo Cesare, che ci accompagnerà a riflettere in particolar modo sui documenti del Concilio Vaticano II. Essi sono “anche per il nostro tempo, una bussola che permette alla nave della Chiesa di procedere in mare aperto, in mezzo a tempeste o ad onde calme e tranquille, per navigare sicura ed arrivare alla meta" . Ruolo centrale in tutto spetta alla Parola di Dio, perché “la fede nasce dall’ascolto”. Ascolto che è obbedienza umile, docilità e dialogo con la Parola, capace di entrare nel cuore e cambiare e plasmare tutta l’esistenza.

 L’Anno della Fede sia un anno per vivere “una nuova primavera” in noi e nella Chiesa!