Diario di bordo

Servite il Signore nella gioia

Tutti gli atleti sanno quanto sia importante fare esercizio per mantenersi in forma e poter raggiungere grandi mete. Anche lo spirito richiede “esercizio”, per mantenere o ritrovare energia e freschezza, come il corpo. Ecco allora l’annuale esperienza degli esercizi spirituali nel Priorato di St. Pierre per tutta la comunità del Seminario Maggiore, dal 27 gennaio a venerdì  1° febbraio.

Esercizi Spirituali

 

Siamo partiti per un viaggio di cinque giorni iniziato dalla città di Gerico, in compagnia del “piccolo” Zaccheo, di Bartimeo, che come noi è “mendicante del senso dell’esistenza”, del  buon samaritano “alla scuola della compassione”, per poi sostare a Gerusalemme, nel Cenacolo, per un momento di grandissima intimità con il Signore, e poi ripartire e tornare sulle strade della Galilea e di tutti i giorni.

Gli esercizi spirituali sono stati giorni per fare ordine, ricordare e essere grati, scoprire, guardare al futuro in compagnia di Gesù, colui che è il Veniente nella storia per “fare casa” con noi e contagiarci con la Sua gioia, che rimette in piedi, dà fiducia ed è capace di integrare e trasformare il dolore della nostra vita.

Ringraziamo di cuore il predicatore mons. Antonio Napolioni per la sua passione per la Parola di Dio (“a cui bisogna dare del Tu”), l’amore verso la Chiesa (“che pone la sua sicurezza nelle sorprese di Dio”) e  la sua grande umanità e attenzione pastorale. E’ stato bello vedere e conoscere un sacerdote entusiasta, che testimonia la possibilità della “fedeltà a Dio e all’uomo” e la passione per il mondo d’oggi. Ci è stato ricordato che “si impara a credere solo nel pieno essere-aldiquà della vita, cioè vivendo nella pienezza degli impegni, dei problemi, dei successi e degli insuccessi, delle esperienze e delle perplessità”.