Il Seminario di Torino fu fondato il 4 giugno 1567 dal Cardinale Girolamo della Rovere in attuazione del Decreto del Concilio di Trento, che aveva deciso l'istituzione dei seminari diocesani. Dall'Arcivescovo fu scelta come sede la casa parrocchiale di S. Stefano (in quella che oggi è via Garibaldi). Nel 1578 il Seminario si trasferì in una casa attigua alla chiesa di S. Agnese (nel sito dell'attuale chiesa della SS. Trinità).

Nel 1601 si trasferì una seconda volta in una casa situata tra l'odierna via Quattro Marzo e l'attuale cappella del Seminario, casa che fino allora era stata sede dell'ospedale S. Giovanni. In quegli anni le difficoltà economiche erano notevoli e questo pregiudicava l'ingresso dei chierici (nel 1621 erano appena sette); la maggioranza del clero era formata fuori del Seminario.

Inizi

Seminaio Sede XX settembreLa svolta determinante per il Seminario avvenne sotto il lungo rettorato (1704-1760) dell'abate Giovanni Pietro Costa. A lui si deve la costruzione del Seminario di via XX Settembre. Iniziò allora uno dei periodi più gloriosi del Seminario. Il Seminario rimase poi chiuso per volontà di Napoleone dal 1800 al 1807. Venne riaperto dall'Arcivescovo Giacinto della Torre. Fu nuovamente chiuso, questa volta per volontà dell'Arcivescovo Luigi Fransoni (in seguito alla partecipazione dei chierici alle manifestazioni di giubilo per la concessione dello Statuto) dal 1848 al 1863. Nel frattempo supplirono i Seminari di Chieri e di Bra. Riattivato nel 1863, i chierici teologi furono concentrati nel Seminario di Torino, mentre il Seminario di Chieri fu riservato ai chierici filosofi e quello di Bra fu ridotto a Seminario Minore. Nel 1874 nella sede del Seminario iniziò l'attività la Pontificia Facoltà Teologica, che succedeva all'antica Facoltà dell'Università statale soppressa dal governo italiano. In quegli anni diede un contributo fondamentale per la formazione dei chierici il cottolenghino Francesco Paleari, che fu direttore spirituale del Seminario dal 1899 al 1939 e poi proclamato Beato nel 2011.


Seminario di Rivoli 3

 Il Seminario di Rivoli iniziò l'attività nell'ottobre 1949 accogliendo i chierici del Seminario di Chieri e quelli del Seminario di Torino. La prima pietra del nuovo Seminario era stata posta dall'Arcivescovo Maurilio Fossati nel 1935 per obbedire ad un impegno affidatogli da Pio XI. A causa della seconda guerra mondiale la costruzione si protrasse più del previsto. Nel 1952 fu introdotto l'anno di Propedeutica alla Teologia, frequentato anche dai chierici di altre diocesi piemontesi. Nel 1968 fu istituita la Sezione Torinese della Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale.

 

Sede seminario di Torino 1Il Seminario di Torino. Dovuto alla grande flessione numerica dei seminaristi, nel 1974 tutti gli studenti del liceo passarono a Torino nel Seminario di Via Principessa Felicita di Savoia e i chierici teologi si trasferirono nel nuovo Seminario di Viale Thovez 45, mentre i corsi della Facoltà si trasferirono nel vecchio Seminario di Via XX Settembre. L'attuale sede del Seminario Maggiore in Via Lanfranchi 10 venne acquistata nel 1988 dalle Suore Fedeli Compagne di Gesù. Nel 1992 venne aperto come Seminario Maggiore e vi si trasferirono tutti i seminaristi della Teologia. Dal 1992 sino al 2002 divenne anche sede della Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale, Sezione di Torino, ora trasferitasi nuovamente nel palazzo di Via XX Settembre. Dal 1992 la costruzione di Viale Thovez 45 è sede del Seminario Minore e della Comunità Propedeutica.