Diario di bordo

TEMPO DI NATALE

Gv 1,29-34

“Ecco! E’ lui!”. Giovanni dice così ai suoi discepoli, a coloro che si erano avvicinati a lui per farsi battezzare. È la gioia del riconoscere qualcuno che è davvero importante per la nostra vita, una gioia che non può restare segreta ma va urlata a tutti. Se ci capita qualcosa di bello non lo teniamo per noi, ma corriamo subito dalla nostra famiglia, dagli amici più cari per raccontarglielo.

Natale 2012

La gioia è diffusiva per se stessa: essendo noi felici in primo luogo anche gli altri lo saranno. E per Giovanni e i suoi discepoli accade così: il Battista indica Gesù, Colui che era atteso dai secoli, e gli altri lo seguono. Anche noi cristiani dobbiamo essere felici della nostra vita e della nostra fede e testimoniarlo a parole e con i fatti. Noi che conosciamo chi è Gesù, quel Bambino nato nella stalla a Betlemme, dobbiamo prendere per mano i nostri amici e condurli da Lui.